Contenuto principale

Messaggio di avviso

CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

Che cosa sono

Sono contributi ad integrazione dei canoni di locazioni abitative a parziale rimborso delle spese sostenute dalle famiglie per il pagamento dell’affitto a cui si può accedere annualmente sulla base di un bando pubblico, emanato, di norma, nel mese di aprile.
Per l’anno 2019 il bando è pubblicato dal 02 luglio 2019 al 31 luglio 2019 . Per approfondimenti consultare il bando integrale visionabile sul sito: www.comunefiv.it e disponibile presso gli sportelli FacileFIV del Municipio di Figline e Incisa.

Requisiti

  1. essere residente nel Comune di Figline e Incisa Valdarno;
  2. essere cittadino italiano o di uno Stato appartenente all’Unione Europea o di uno Stato non aderente all’Unione Europea, in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o permesso di soggiorno in corso di validità o con procedura di rinnovo già avviata alla data di pubblicazione del presente bando;
  3. non aver percepito, insieme a tutti i componenti del nucleo familiare, altri benefici pubblici da qualunque Ente erogati ed in qualsiasi forma a titolo di sostegno alloggiativo con riferimento allo stesso periodo per cui viene richiesto il contributo.
  4. essere in possesso di una attestazione ISEE per il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) dalla quale risulti un valore ISE (Indicatore Situazione Economica) non superiore ad € 28.470,83 e con  incidenza del canone annuo, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE, , rientranti entro i valori di seguito indicati:
           - FASCIA A -  valore ISE uguale o inferiore all’importo corrispondente a due pensioni minime INPS (€ 13.338,26) per l’anno 2019 e incidenza del canone al netto degli oneri accessori sul valore ISE non inferiore al 14%.
           - FASCIA B -  valore ISE compreso tra l’importo corrispondente a due pensioni minime INPS (€ 13.338,26) per l’anno 2019 e l’importo di € 28.684,36 con Incidenza del canone sul valore ISE non inferiore al 24%.
    Valore ISEE non superiore a € 16.500,00 (parametro determinato dalla Regione Toscana per l’accesso all’Edilizia Residenziale Pubblica);
  5. essere titolare di un contratto di locazione ad uso abitativo regolarmente registrato, riferito all’alloggio in cui si ha la residenza e ubicato nel Comune di Figline e Incisa Valdarno.  
  6. assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare ubicato a distanza pari o inferiore a 50 Km. dal Comune di Figline e Incisa Valdarno.
  7. assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano o all’estero, ivi compresi quelli dove ricorre la situazione di sovraffollamento, il cui valore complessivo sia superiore ad € 25.000,00 (requisito non autocertificabile dai cittadini extracomunitari)
  8. valore del patrimonio mobiliare non superiore ad € 25.000,00 calcolato applicando al valore del patrimonio mobiliare dichiarato ai fini ISEE, al lordo delle franchigie, la  scala di equivalenza prevista dalla medesima normativa;
  9. non superamento del limite di € 40.000,00 di patrimonio complessivo composto dalla somma del patrimonio immobiliare e del patrimonio mobiliare, fermo restando il rispetto dei limiti di ciascuna componente come fissati ai punti 7) e 8).  

   Sono indispensabili le seguenti informazioni per la compilazione della domanda:
   - conoscere gli estremi dell'attestazione ISEE ( data rilascio e scadenza) ed il relativo valore.
               
Come si ottiene

L’assegnazione del contributo avviene esclusivamente attraverso la partecipazione al bando pubblico, aperto, di norma, nel mese di aprile.
Trattandosi di un contributo a rimborso, coloro, in possesso dei requisiti, che risulteranno collocati utilmente nella graduatoria, dovranno presentare, pena la decadenza del beneficio, copia delle ricevute di pagamento del canone relative all’anno a cui si riferisce il bando entro i termini stabiliti dall’Amministrazione comunale.

Documenti da presentare

  IN FASE DI BANDO:
- tutta la documentazione obbligatoria prevista nel bando integrale
 
 IN FASE DI RENDICONTAZIONE (solo per gli ammessi al beneficio):
- copie delle ricevute d'affitto di tutto l'anno cui si riferisce il bando o dei relativi bonifici.